martedì 24 febbraio 2009

Pink Ice Hotel Macugnaga

Il Pink Ice Hotel di MacugnagaPost aggiunto da Miria il 18 Febbraio 2009 alle 14:30
Vedi tutto il blog di Miria


Un vero e proprio hotel in versione ridotta (54 metri quadri di superficie) con camera da letto, reception, bar e una serie di sculture, situato a 1.581 metri di altitudine, all'Alpe Burki di Macugnaga, e realizzato interamente in ghiaccio. E' il "Pink Ice Hotel", un prototipo di albergo plasmato dalle abili mani dello scultore napoletano Amelio Mazzella, presidente degli scultori di ghiaccio, con l'ausilio dei colleghi Pieritalo Torri di Carrara e Bruno Cappelletti di Trento Valsugana. La struttura è stata realizzata grazie a una iniziativa del Comune di Macugnaga con il patrocinio della società Monterosa Str, del Distretto Turistico dei Laghi e dell’assessorato al turismo della Provincia del Verbano Cusio Ossola. Inaugurato lo scorso 14 febbraio, l’hotel rimarrà attivo fino al disgelo, presumibilmente dunque fino ai primi giorni di marzo, e sarà visitabile negli orari di apertura della stazione sciistica Belvedere. Per raggiungere l’hotel infatti è necessario prendere la seggiovia del Belvedere e, una volta all’Alpe Burki, percorrere poche decine di metri, a piedi o con gli sci.
L’hotel è stato costruito utilizzando ben 170 tonnellate di ghiaccio e neve. Esternamente si presenta come una sorta di igloo, e l’ingresso è composto da una sorta di bussolotto in ghiaccio. All’interno sulla sinistra la hall con panche in ghiaccio e un piccolo bar mentre sulla destra la camera da letto, con letto matrimoniale rigorosamente in ghiaccio. L’ambiente è completato da una serie di sculture in ghiaccio e da luci soffuse al neon.
Il “Pink Ice Hotel” è un prototipo, che dall’anno prossimo diventerà un hotel a tutti gli effetti. Nella prossima stagione invernale, infatti, saranno commercializzati dei pacchetti soggiorno con 3 notti da trascorrere in uno dei numerosi hotel di Macugnaga, e una notte al “Pink Ice Hotel”. Un’esperienza davvero unica e indimenticabile, nello scenario incantato ai piedi del maestoso Monte Rosa.

L'ingresso del Pink Ice Hotel





La hall




La camera da letto




Le sculture di ghiaccio

lunedì 23 febbraio 2009

Cappelletti Bruno - ghiaccio-eis-ice-Miss Italia

Cappelletti-Ice Pink Hotel- Monte Rosa

Pink Ice Hotel a Macugnaga
Una scommessa per un turismo ambiental-culturale
Giovedì, 12 Febbraio 2009
Notizie correlate: ossola, macugnaga, pink ice hotel
Saranno un napoletano di Regnella, Amelio Mazzella, un trentino di Castelnuovo Valsugana, Bruno Cappelletti e un toscano di Carrara, Pieritalo Torri, gli scultori che parteciperanno alla creazione del futuro Pink Ice Hotel di Macugnaga. Tutti e tre gli artisti fanno parte dell’Associazione Italiana Scultori di Ghiaccio, il cui presidente-fondatore è proprio Amelio Mazzella.

L’idea, promossa da Comune di Macugnaga, Società Monterosa Star, Distretto Turistico dei Laghi e delle Valli, Provincia del Verbano Cusio Ossola, prenderà il via sabato 14 febbraio nella zona di Burki, la stazione intermedia della seggiovia che porta al ghiacciaio del Belvedere, ai piedi della parete Est del Monte Rosa.

Questa prima fase vedrà la realizzazione di un igloo di circa 54 metri quadrati di superficie, per il quale sono stati mossi, grazie alla disponibilità degli operai della Monterosa Star, circa 170 tonnellate di neve e ghiaccio. All'interno della struttura di ghiaccio verranno dislocati un piccolo bar, un’esposizione di sculture e una camera dal letto; il tutto illuminato da algide luci al neon.

La costruzione di ghiaccio di Macugnaga, nonostante le critiche dei soliti mal informati, sarà a costo pressoché nullo per le casse del Comune. Saranno invece il Distretto Turistico dei Laghi e delle Valli, e la Provincia del Verbano Cusio Ossola a sostenere economicamente il progetto.
Il dottor Antonio Longo Dorni, Presidente del Distretto, durante la conferenza stampa convocata dal sindaco di Macugnaga, Giovanna Boldini, ha appassionatamente illustrato le motivazioni di questo loro impegno, evidenziando l’impulso promozionale che questo tipo di progetti dà al territorio.

Longodorni ha inoltre sottolineato che quella di quest’anno sarà solo la fase sperimentale di una realizzazione ben più impegnativa, che vedrà sorgere, il prossimo inverno, proprio a Macugnaga, il primo Ice Hotel italiano. Per quest'ultima "edificazione" si prevede lo spostamento di ben 700/800 tonnellate di neve e ghiaccio.

Grazie ad essa gli albergatori potranno offrire nei loro pacchetti promozionali, oltre all’alloggio presso le loro strutture, anche la suggestiva esperienza di una notte nell’hotel di ghiaccio. Esperienza che soltanto in Ossola potranno trovare e che ben s’inserisce, grazie alla specificità dell’ambiente di Macugnaga, negli obbiettivi di un turismo culturale ed ambientale al quale Distretto e Provincia intendono rivolgersi.

Questa fase d'avvio avrà anche una connotazione sociale, scaturita da una collaborazione nata qualche anno fa tra il Comune di Macugnaga e il dottor Corrado Cattrini, anzaschino, da anni impegnato nel reperimento di aiuti per sostenere concretamente gli abitanti di una favelas brasiliana (il fine è la costruzione di una mensa scolastica). Il ricavato delle visite all’igloo di Burki sarà pertanto interamente devoluto all’Associazione MAIS da lui presieduta.

a cura di: Beba Schranz

Cappelletti-Ice Pink Hotel- Monte Rosa

Ghiaccio-Eis-Ice Cappelletti -Macugnaga

Cappelletti-ghiaccio - Ice Pink Hotel Macugnaga


Esibizioni ghiaccio artistico